04 Dicembre 2020

Il messaggio di mons. Arcivescovo

Messaggio per il Grest e l’Estate Ragazzi 2018 dell’arcivescovo mons. Bruno Forte

Un grande amico di Gesù: è così che potremmo definire l’Autore del Vangelo secondo Giovanni. Affermando di essere il “discepolo che Gesù amava, colui che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: «Signore, chi è che ti tradisce?»” (v. 20), si presenta così: “Questi è il discepolo che testimonia queste cose e le ha scritte, e noi sappiamo che la sua testimonianza è vera” (Gv 21, 24). Di lui Pietro chiede a Gesù: “Signore, e lui?”. E Gesù gli risponde: “Se voglio che egli rimanga finché io venga, che importa a te?” (vv. 21-22). Con questo Gesù non vuol dire che quel discepolo non sarebbe morto (v. 23), ma che è per eccellenza il discepolo dell’attesa, proteso all’incontro con l’Amato, andato a prepararci un posto nel seno del Padre.

Già questa discrezione nel parlare di sé ci fa intravedere una delle caratteristiche più belle dell’amicizia: l’amico accompagna, ma non invade; è sempre pronto ad aiutare, ma non crea rapporti di dipendenza; viene incontro, ma desidera soprattutto camminare insieme con l’amico, nella gioia della reciprocità e nell’impegno della condivisione. Il discepolo amato presenta i tratti dell’audacia e della tenerezza che i veri amici sono capaci di avere (è l’unico che resta ai piedi della Croce) e vede l’invisibile, perché guarda con gli occhi dell’amore. Soprattutto, sa fidarsi rispondendo all’invito di Gesù: “Venite e vedrete”. Prima va, poi vedrà! L’amico guarda al futuro custodendo nel profondo la grazia dell’incontro da cui l’amicizia iniziò. Perciò egli fissa nell’agenda del cuore i momenti decisivi dell’amicizia, ricordando perfino l’ora che ne segnò l’inizio: “Erano circa le quattro del pomeriggio”. Incontrare l’amico e decidere di camminare con lui sono due volti dell’esperienza, esigente e bellissima, che è l’amicizia…

Come è di ogni vero amico, il discepolo amato desidera poi conoscere Gesù, entrando in una relazione sempre più profonda con lui: nel cosiddetto “libro dell’addio” – i capitoli 13-17 del Quarto Vangelo -, nel momento drammatico in cui si consuma il tradimento di Giuda, ora dell’amore supremo (“li amò sino alla fine”: 13,1) e di supremo dolore (è giunta “l’ora”), l’amico sta vicino a Gesù più di ogni altro, dimostrando con la vita che amore e dolore sono inseparabili, vicinanza all’Amato e partecipazione al suo soffrire. Sta nel grembo di Gesù (v. 23), e resta ai piedi della Croce nell’ora della prova, mostrando di aver capito da che parte l’amicizia deve stare. Voler conoscere l’amico e scegliere la via della fedeltà sempre nuova a lui è proprio della vera amicizia.

Il dialogo con Gesù ai piedi della Croce (19,26s) rivela il tesoro che il Maestro affida all’amico. È l’ora del testamento del Profeta abbandonato, che si rivolge alla “donna”, figura d’Israele e della Chiesa e Madre sua, e al discepolo amato, stabilendo fra loro un rapporto così profondo, che l’amico prende la donna nel cuore del suo cuore. Amicizia è la grazia di confidarsi il dono più grande… Andando con Pietro al sepolcro la mattina di Pasqua (20,1-8), l’amico corre per andare a vedere, mosso dalla sete di chi ama. Arriva per primo, ma aspetta, rispettando chi è più grande di lui, sapendo far posto all’altro. Vede e crede: sarà il testimone oculare, colui che ha visto e può perciò contagiare l’amore che apre gli occhi della fede. Sceglie di spendere tutta la sua vita per annunciare al mondo che l’Amato ha vinto la morte e vuole vincerla in ognuno di noi, per sempre.

Chi ha conosciuto, ha visto e toccato l’amore, non può tenerselo per sé: ne diventa il testimone irradiante. La testimonianza scaturisce dalla sovrabbondanza del cuore toccato dal Maestro e ardente di amore. Proprio così, l’amico resta nell’attesa: il dialogo fra Gesù e Pietro riguardo al discepolo amato (21,20-24) mette in luce che l’amico attende il ritorno di Gesù, proteso nella speranza verso la gioia dell’incontro faccia a faccia. Il ricordo dell’Amato non è in lui nostalgia o rimpianto, ma tenerezza, speranza, vigilanza, attesa. L’amicizia non vive di passato, ma schiude al futuro e lo tira nel presente per il suo stesso ardore. La grazia del Signore rende così presente nel legame dell’amicizia il futuro della promessa di Dio e la sua infinita bellezza.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account